Presentazione e storia del corso

 
 

La Scuola di Master e Dottorato in Lingua, Letteratura e Cultura Italiana è l’unica in tutto il Brasile interamente dedicata agli studi nel campo dell’Italianistica e riunisce docenti e discenti impegnati nello studio della lingua, della letteratura e della cultura italiana dal punto di vista del Brasile e del rapporto tra Brasile e Italia, in costante ricerca di prospettive innovatrici e, tuttavia, in dialogo sia con la storia che con i classici della linguistica e della letteratura.  

Il Corso di Laurea in Lingua e Letteratura Italiana è stato creato nel 1934. Tra i primi docenti a occupare la cattedra di Italiano figura Giuseppe Ungaretti (1937-1942). La tradizione di grandi docenti contempla presenze del calibro di Italo Bettarello, che ereditò la cattedra di Ungaretti, e di Alfredo Bosi, il quale, oltre a essere titolare di cattedra, vi realizzò i suoi studi di Letteratura Italiana, con la sua tesi di dottorato nel 1964 e quella di libera docenza nel 1970. Anche il prof. Antônio Lázaro de Almeida Prado fu docente del Corso fino alla sua partecipazione alla fondazione della sede distaccata di Assis dell’Università Statale di San Paolo (Universidade Estadual Paulista - UNESP), dove fu poi professore emerito. Negli anni settanta, il Corso è stato coordinato dal prof. Edoardo Bizzarri, stimato traduttore di Guimarães Rosa in italiano, responsabile, tra l’altro, dell’organizzazione del Corso Post-laurea (Master) in Lingua e Letteratura Italiana, creato nel 1975.

Al momento dell’approvazione del Dottorato, avvenuta alla fine del 2009, il corso è stato interamente ristrutturato e gli è stato dato il nome attuale Programa de Pós-Graduação em Língua, Literatura e Cultura Italianas (Scuola di Master e Dottorato in Lingua, Letteratura e Cultura Italiana).

Le linee di ricerca del Corso ricoprono, nel loro insieme, tutti i principali filoni linguistici e letterari dell’Italianistica contemporanea, campo di studi al cui sviluppo la Scuola continua a contribuire. Per tale ragione, è vocazione naturale della Scuola mantenere relazioni accademiche costanti con gruppi di ricerca omologhi di istituzioni sia brasiliane che estere.  

La Scuola si dedica inoltre alla traduzione di testi letterari e allo studio della loro ricezione da parte della critica brasiliana, al fine di verificare in che modo la letteratura italiana abbia segnato il pensiero degli studiosi brasiliani. La rilevanza di tali relazioni culturali si riflette, inoltre, nelle ricerche sul processo di insegnamento e apprendimento della lingua italiana a brasiliani e sul confronto tra l’italiano e il portoghese brasiliano condotto a diversi livelli.

Uno dei principali strumenti di divulgazione degli studi condotti dai ricercatori della Scuola di Master e Dottorato è la Revista de Italianística (ISSN: 2238-8281), pubblicazione online e open access, che utilizza il sistema OJS (Open Journal System) ed è ospitata all’interno del Portale delle Riviste Scientifiche dell’Università di San Paolo (http://revistas.usp.br/italianistica). La rivista è attualmente presente nei seguenti Indicizzatori di Base di Dati (IBD): (1) Latindex, (2) Diadorim, (3) MLA, (4) DOAJ. Vengono di solito pubblicati almeno due numeri all’anno, uno dedicato agli studi linguistici e l’altro agli studi letterari. Gli articoli possono essere pubblicati in portoghese o in italiano.

 

Docenti e processo di selezione per l’accesso al Master di Ricerca e al Dottorato

 

Il corpo docente è attualmente composto da 14 professori che operano stabilmente all’interno della Scuola e 1 professore collaboratore. I docenti si dedicano a studi linguistici, letterari e traduttologici. I docenti del Corso possono ricoprire il ruolo di relatori di tesi per ricerche di Master (Mestrado)e Dottorato, nonché di Post-dottorato.

 

La selezione per l’accesso ai corsi di Mestrado e Dottorato avviene due volte l’anno, con iscrizioni a febbraio/marzo (per i corsi che iniziano nel secondo semestre) e luglio/agosto (per i corsi che iniziano nel primo semestre dell’anno successivo). Il calendario dei corsi post-laurea è disponibile al seguente link:

http://pos.fflch.usp.br/calendario-2020

Il processo selettivo si realizza attraverso tre fasi eliminatorie:

 

1) una prova scritta di certificazione delle competenze linguistiche in italiano (realizzata all’interno della stessa Scuola o ottenuta presso enti di certificazione riconosciuti) e, per il Dottorato, in un’altra lingua straniera moderna (inglese, francese, spagnolo o tedesco), nel caso in cui il candidato abbia già superato una prova di certificazione in italiano; agli studenti stranieri, oltre alla certificazione delle competenze linguistiche in italiano (da cui sono esonerati i candidati in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado conseguito in un paese di lingua italiana), si richiede una certificazione delle competenze linguistiche in portoghese brasiliano attraverso la presentazione all’atto dell’iscrizione di un Certificado de Proficiência em Língua Portuguesa para Estrangeiros (CELPE-BRAS) attestante un livello intermedio o avanzato;

 

2) una prova scritta che dimostri il dominio di nozioni generali attinenti alle linee di ricerca del Corso (la bibliografia di riferimento per ogni sessione d’esame è divulgata nel sito), con correzione anonima degli elaborati da parte di docenti nominati dal Coordinamento del Corso;

 

3) l’analisi del curriculum e la discussione del progetto di ricerca, realizzata da una commissione composta da minimo tre docenti, che assegna al candidato un relatore/una relatrice di tesi, in base al progetto approvato e ai posti disponibili.

 

I candidati stranieri e residenti in altri stati del Brasile potranno presentare entro i termini stabiliti una richiesta che li autorizzi a realizzare le prove a distanza. Informazioni dettagliate sull’ultimo processo di selezione possono essere consultate a questo indirizzo.

Linee di ricerca e progetti (con l'indicazione dei docenti responsabili) possono essere consultati qui.